Giorno 12: ospite a sorpresa!

12 maggio 2015 – da Cannonvale a Grahamstown

Da qualche indicazione locale, ho scelto di stare sulla N2, perché le deviazioni di Alicedale o Alexandria, ci sono dei sterrati interrotti per lavori mai finiti. Strada molto bella e con traffico sfrecciante ma comunque rispettoso e non pericoloso.
Attenzione perché non troverete ne acqua e ne cibo per 85 km; se volete trovarlo dovrete fare delle deviazione dalla strada che vi impegneranno per qualche o per molti km.
Percorso con tantissimi sali e scendi sulla linea della massima pendenza (se con bici scarica non ci sono problemi).
Percorso molto bello che costeggia un altro parco, dove potrete vedere kudu, giraffe e diverse varietà di antilopi.

Lunga pedalata per raggiungere questa cittadina: leggo su un’insegna che la sua fondazione risale a duecento anni fa come avamposto inglese sull’oceano indiano per controllare la propria colonia.
E c’è ancora un clima anglosassone, con molti palazzi dalle tipiche facciate vittoriane.
Qui si stanno già preparando alla nuova edizione del National Arts Festival (fine di giugno) che è il più grande evento culturale e artistico di tutta l’Africa.
Una vera e propria esplosione di teatro, danza, opera, musica moderna e jazz, mostre d’arte visiva, cinema, teatro di strada, fiera dell’artigianato e laboratori.
Lasciato alle spalle lo splendido Addo National Elephant Park, la strada presentava una serie di up and down portandosi decisamente più all’interno rispetto la costa.
Piacevole la giornata, con ancora negli occhi le emozioni e le sensazioni vissute all’interno del Parco.

Colgo l’occasione di ringraziare il negozio di Bici di Grahamstown “The Motion Shop” (www.motionshop.co.za), per il saluto e un controllo generale gratuito ad Andrea 1 (la bici).
Qui a Grahamstown c’è un istituto importantissimo per la ricerca: il South African Institute for Aquatic Biodiversity.
Grazie a Dario, sono riuscito a mettermi in contatto con una ricercatrice italiana: calorosa e ospitale l’accoglienza di Francesca (ricercatrice SAIAB) e David (Insegnante in una scuola primaria di Grahamstown) e di tutta la famiglia, che mi ospiteranno per le prossime due notti in città.
Domani David mi accompagnerà nella scuola dove lavora mentre invece Francesca mi farà conoscere da vicino il suo lavoro e vedere quella che è considerata la più grande “collezione” di pesci in Africa.

Sono davvero contento per questa splendida giornata di sole, con pochissimo vento (e questa è davvero una novità, visto che non mi ha dato tregua da quando ho lasciato cape Town).
Stasera approfitterò di questa atmosfera molto “british” per condividere un buon boccale di birra con gli Afrikaans di Grahamstown.
Buona vita a tutti!

Alessandro

Lascia un commento

Tutti campi sono obbligatori