Giorno 59: l’importanza del fuoco!

28 giugno 2015 – da Ivory camp a Victoria Falls

Parto con un po’ di rammarico per quel campo, che mi ha regalato inaspettate immagini di vita della savana.
Compresa l’inattesa visita notturna di un elefante errante che continuava per la sua strada di arboree libagioni; fa un altro effetto sentire da dentro la tendina lo spezzare rami e abbattere alberelli accompagnato da qualche rigurgito e qualche pachidermico sbuffare. Da dentro la tendina, sai solamente che l’elefante ben noto per la sua delicatezza, sappia scindere l’immagine di un piccolo igloo verde da campeggiatore da una roccia su cui poter appoggiare il suo piedino di fata. Per un attimo avevo pensato anche di essere risucchiato (tenda e uomo in un sol evento) da quel mantice poderoso che hanno come sistema polmonare.

Per un attimo mi sembrava di rivivere le sensazioni del grande Bonatti in mezzo alla Savana, che saltò fuori dalla sua tenda di notte, perché aveva tutto il mondo di predatori notturni che gli giravano attorno alla tenda.
Io invece mi sono proprio spostato perché il mio elefantino continuava imperterrito per la sua strada e di essere nell’area di un camp, ho avuto questo contatto sensoriale con il pachiderma, non gliene poteva fregar di meno del tipo di tenda che poteva ritrovarsi sotto il suo principesco piedino.

Fatto sta, che io non avevo acceso il romantico fuoco, che secondo il titolare del camp dovevo avviare, non tanto per una seratina romantica con me stesso (ero il solo accampato), ma in quanto ormai abituati alla presenza del fuoco, gli amici animali abitanti la zona, prendono semplicemente un’altra strada.

Chissà…… forse avrà preso un’altra strada per un insolito odore umano, arrivatogli alle sensibili narici.

Di notte, sembrava ancora più grande, e ancora più inarrestabile: ho ringraziato il mondo per non essere diventato un nuovo tipo di sottiletta.

Se mi addormento mi sveglio all’una del pomeriggio: dai Ale fra poco su per risalire sui pedali!!!

Lascia un commento

Tutti campi sono obbligatori