Giorno 86: sul Lago Malawi

26 luglio 2015 – da Nkhotakota a Unaka Lagoon

Scenario meraviglioso del lago Malawi, che mi ricorda in modo quasi speculare le mie origini, in cui mio padre mi trasportava sul ferro della bici fino a una spiaggia interna della laguna veneta, che era densamente popolata dai granchi di cui avevo un’enorme paura. Adesso sono in riva del lago Malawi con le stesse scene di vita in cui braccia molto forti di giovani mettono a mare una barca per la pescata che durerà tutto il giorno. Ci sono anche i granchi, però non nascondo che il tipo di rapporto è cambiato completamente.

Oggi è giorno di festa, qui sono molto religiosi e sembra quasi ci sia una corsa a richiamare i devoti con le casse acustiche che fanno sentire anche fuori il sermone del predicatore.
Cosa molto bella, è che le tante funzioni vengono fatte all’ombra di acacie, sicomori giganti, e quello offerto dalla macchia (solo per accennarne qualcuno e se qualcuno conosce meglio)

Cosa che invece, mi fa letteralmente incazzare con me stesso è che non sono stato in grado di prendere una foto decente, di camioncini con il cassone stipato di persone che cantano lungo tutto il tragitto. E non solo per andare a una qualche funzione religiosa, ma anche per andare al lavoro, o da qualsiasi altra parte.

Mah quanti bambini ci sono, sbucano fuori dappertutto ? si vede che sono giorni di festa e i villaggi sono al pieno della loro vita. Parlando con Russel Parker, insegnante di origine inglese e responsabile di una scuola vicina a Dwangwa, mi spiega che in Malawi, la scuola primaria è completamente gratuita e la scuola secondaria ha il fardello delle tasse scolastiche e tutto il resto da pagare. Mi racconta la sua esperienza di insegnante “Off road”, e quanta soddisfazione ritornano le scolaresche che lui ha frequentato.
La strada è decisamente bella e la domenica la colora di una festa viva nell’aria e nelle facce della gente, che mi aiutano fuor misura a pedalare sotto una bella calura.

Anche il vento oggi diventa amico, anche se laterale o contrario o che venga da dove vuole, ma sempre rinfrescante.

Ciao, a domani

Lascia un commento

Tutti campi sono obbligatori