LETTONIA – IL PRIMO ALBERO DI NATALE

C’è una disputa tra  Lettonia e Estonia, una disputa che si rinnova ogni anno. Una disputa su chi, tra Riga e Tallin, abbia la paternità del primo albero di Natale della storia.

Sembrerebbe che l’albero di Natale, così come viene usato oggi, sia nato a Tallinn, in Estonia nel 1441, quando fu eretto un grande abete nella piazza del Municipio, attorno al quale giovani scapoli, uomini e donne, ballavano insieme alla ricerca dell’anima gemella. Questa usanza venne poi ripresa in Germania: una cronaca di Brema del 1570 racconta di un albero che veniva decorato con mele, noci, datteri e fiori di carta. Ma è la città di Riga ( Lettonia) fra quelle che si proclamano “culla” del primo albero di Natale che vanta i maggiori accrediti: vi si trova infatti una targa scritta in otto lingue, secondo cui il “primo albero di capodanno” (come era chiamato allora) fu addobbato in questa città nel 1510. Per completare la notizia, che nulla ha a che fare col percorso di “Pangea” verso il nord, viene dall’Alsazia: una cronaca di Strasburgo annota nel 1605: “Per Natale i cittadini si portano in casa degli abeti (‘Dannenbaumen’ nel tedesco dell’epoca), li mettono nelle stanze, li ornano con rose di carta di vari colori, mele, zucchero, oggetti di similoro”. Insomma, dal nord, l’usanza era calata verso sud in meno di un  secolo.

Un’antecedente dell’albero potrebbe essere l’antico rito pagano di portare in casa, prima del nuovo anno, un ramo beneaugurante. Nel Medioevo si diffonde la tradizione degli “Adam und Eva Spiele” (giochi di Adamo ed Eva) che prevedevano la ricostruzione nelle chiese dello scenario del paradiso in terra, proprio il 24 di dicembre, alla vigilia di Natale, con tanto di alberi di frutta, simboli dell’abbondanza e del mistero della vita.

Poi, a questi alberi di frutta si preferirono sempre di più gli abeti. L’abete, il “Tannenbaum”, ha la caratteristica “magica” di essere sempreverde, che, secondo una favola, ha avuto come dono da Gesù stesso, per avergli offerto rifugio mentre era inseguito dai suoi nemici. Così non stupisce che l’abete, con la sua sagoma triangolare che rispecchiava anche bene la struttura piramidale e gerarchica della società medievale, diventa nel folclore tedesco anche l’albero cicogna dal quale la levatrice scuote i neonati.

Per molto tempo, la tradizione dell’albero di Natale rimase tipica delle regioni a nord delle Alpi. All’inizio, i cattolici la consideravano un uso protestante e solo nel ‘900 questa tradizione si è diffusa anche nel mondo cattolico.

Lascia un commento

Tutti campi sono obbligatori