Pedali in Sierra Madre

14 febbraio 2018;           Mazatlan – Durango – carretera D45

Lasciamo le balene e la Bassa California, salendo su un traghetto che ci fa superare lo stretto lembo di oceano fra La paz e Mazatlan. Risaliamo in sella dopo essere stati risucchiati nella festosissima bolgia umana del carnevale. La direzione è a est e poi a sud, sull’itinerario precedentemente individuato.  Itinerario che passa per la Sierra Madre, asse di sviluppo della storia principale delle realtà mesoamericane e degli stati Uniti del Messico.  Saliamo sull’altipiano distribuito fra i 2000 e 2700 metri, in mezzo a scenari talvolta aridi e talvolta lussereggianti, cactus che si scambiano con quercete e con una macchia folta bassa tipica delle zone rocciose di costiera.

Incontriamo la storia mineraria e mesoamericana di Durango, il tropico del cancro (pensiero rivolto al superamento dei tropici e dei circolari polari artici  a est e a Ovest dall’altra parte della terra)  e puntiamo a Zacatecas, dove riferimenti storico antropologici ci daranno qualche altra informazione per conoscere un pò di più, di quanto i progenitori degli amici attuali Messicani, hanno dedicato all’organizzazione della loro terra.

Ciao dai ciclonauti di Pangea, cycling on life’s origin

Lascia un commento

Tutti campi sono obbligatori