POLONIA – L‘ „enCICLO-PEDIA“ di Pangea

La Polonia (in polacco: Polska),  stato dell’Europa centrale

  • Abitanti: 39.600.000 abitanti circa
  • Superficie di 312.685 km²
  • Capitale Varsavia

Confina a ovest con la Germania, a sud con le repubbliche Ceca e Slovacca, a est con l’Ucraina e la Bielorussia, a nordovest con la Lituania e l’enclave russa di Kaliningrad e a nord con il Mar Baltico.

Religione: I polacchi sono per la maggior parte cattolici, sebbene solo il 75% sia praticante. Il resto della popolazione consiste in minoranze ortodosse  e protestanti. Ridotta invece ai minimi termini la storica comunità ebraica (circa 3 milioni di persone nel 1939) a causa della Shoah e della successiva emigrazione in Israele dei superstiti.

La Polonia è una repubblica parlamentare

Cenni storici:

Lo stato polacco ha una storia lunga oltre un millennio; nel XVI secolo, sotto la dinastia Jagellone, era uno dei più ricchi e potenti paesi d’Europa. Il 3 maggio 1791, la Confederazione Polacco-Lituana definì la Costituzione Polacca di Maggio, la prima costituzione scritta d’Europa. Poco dopo, la Polonia cessò di esistere per 123 anni, spartita tra Russia, Austria e Prussia. L’indipendenza venne riguadagnata nel 1918, in seguito alla Prima Guerra Mondiale. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, divenne uno stato satellite dell’Unione Sovietica, conosciuto come Repubblica Popolare Polacca. Nel 1989, le prime elezioni parzialmente libere dopo la Seconda Guerra Mondiale, si conclusero con il movimento per la libertà che vinse contro il partito comunista. Nel 1999 la Polonia è stata ammessa alla NATO, e nel 2004 è diventata membro dell’Unione Europea.

L’antico regno polacco, cominciò a prendere una forma unitaria nella metà del X secolo, sotto la dinastia dei Piast. Nel XII secolo, la Polonia si frammentò in molti piccoli stati, che nel 1241 vennero depredati dalle armate Mongole. Sotto la dinastia Jagellone, venne accordata un’alleanza con la vicina Lituania, e l’epoca d’oro arrivò nel XV secolo con l’unione tra i due stati (Unione di Lublino), nella Confederazione Polacco-Lituana. I sudditi polacchi godevano di grandi libertà e un sistema parlamentare, anche se i benefici di quest’ultimo erano limitati alla szlachta (nobiltà). Da quel tempo i polacchi si sono dati il nome di Nazione della gente libera.

La Confederazione Polacco-Lituana al suo apice nella metà del ‘600, una ribellione di cosacchi condotta da Bohdan Chmielnicki diede inizio all’epoca turbolenta del Potop (=diluvio). Vi furono numerose guerre contro l’impero ottomano, la Russia, la Svezia, la Transilvania e la Prussia- Brandeburgo che finirono nel 1699. Nei successivi 80 anni, lo svanire del potere centrale ed il raggiungimento di un punto morto nelle istituzioni indebolirono la nazione, portando alla sottomissione da parte della Russia. L’Illuminismo in Polonia accese un crescente movimento nazionale per restaurare lo stato, il cui risultato fu la prima costituzione scritta di Europa, nel 1791, la Costituzione Polacca di Maggio (festeggiata ancora oggi il 3 maggio). Il processo di riforme causò un intervento esterno e una serie di spartizioni della Polonia fra i tre imperi di Austria, Russia e Prussia nel 1772, 1793 e 1795; la Polonia venne completamente cancellata dalle carte geografiche. I polacchi risentirono la mancanza di libertà e più volte si ribellarono contro gli oppressori.
Napoleone creò uno stato dipendente dalla Francia in territorio polacco, il Granducato di Varsavia, governato da Federico Augusto I di Sassonia. Dopo le guerre napoleoniche, una ricostituzione dello stato polacco, il Regno di Polonia conosciuto come “Polonia del Congresso”, governato dallo zar russo, aveva una costituzione liberale. Tuttavia gli zar Russi ridussero presto le libertà della Polonia, finché la Russia annesse di fatto il paese. Più tardi, nel XIX secolo, la Galizia governata dall’Austria divenne l’oasi polacca di libertà. Durante la Prima guerra mondiale tutti gli alleati concordarono nella ricostituzione della Polonia come stato cuscinetto tra Germania e Unione Sovietica ed il presidente degli Stati Uniti Wilson la pretese fortemente. Poco dopo la capitolazione della Germania nel novembre 1918, la Polonia riguadagnò l’indipendenza come Seconda Repubblica Polacca. Ad oriente però, la tensione crebbe nei confronti della Russia ora alle prese con una guerra civile. Dopo qualche tentativo diplomatico, i polacchi ruppero gli indugi, attaccando le truppe russe a Zitomir sulla strada per Kiev che sarà presa il 6 Maggio. Lo scenario cambiò nel giro di un altro mese con la controffensiva sovietica; a metà di questa gli inglesi si offrirono di mediare le trattative, ma a questo punto fu la Russia Bolscevica a rifiutare e voler continuare l’offensiva che la porterà fino alle porte di Varsavia. La Polonia cambiò le sorti della guerra ancora una volta con una delle battaglie più decisive della storia, definita dai giornali dell’epoca, “il miracolo della Vistola”. Nel contrattacco che ne seguì, la Polonia occupò buona parte della Bielorussia, il territorio di Vilna, e la parte più occidentale dell’Ucraina. La Russia bolscevica, ancora alle prese con la propria guerra civile e con disordini interni, desistette dalla lotta, e col Trattato di Riga del 1921 riconobbe le conquiste polacche in Bielorussia e in Ucraina, fissando il confine russo-polacco circa 250 km. più a est della linea proposta da Lord Curzon. Il territorio di Vilna, rivendicato dalla Lituania con l’assenso dei russi, fu poi annesso alla Polonia nel 1922, tramite plebiscito. Tali confini restarono sostanzialmente invariati fino al settembre del 1939, tranne l’acquisizione di Cieszyn/Teschen a spese della Cecoslovacchia.

La seconda repubblica polacca durò fino agli inizi della seconda guerra mondiale nel 1939, quando Germania e Unione Sovietica si divisero il territorio polacco. La Polonia era completamente impreparata alla velocità e ferocia degli attacchi. Tra tutte le nazioni coinvolte nella guerra, la Polonia perse la percentuale maggiore di cittadini, più di 6 milioni morirono, metà dei quali ebrei polacchi. Dopo la guerra, le frontiere della Polonia vennero spinte ad Ovest; il confine est alla linea Curzon e il confine ovest alla linea Oder-Neisse. Dopo lo spostamento la Polonia perse 76000 km², il 20% del suo territorio d’anteguerra. Lo spostamento delle frontiere causò anche la migrazione di milioni di persone, polacchi, tedeschi, ucraini ed ebrei. Finalmente la Polonia divenne, per la prima volta nella storia un paese etnicamente unito.

La vittoria dell’Unione sovietica portò un governo comunista in Polonia, come del resto in molti paesi del Blocco sovietico. Nel 1948 una svolta verso lo Stalinismo portò un altro periodo di governo totalitario. La Repubblica Popolare di Polonia, venne ufficialmente proclamata nel 1952. Nel 1956 dopo una rivolta il regime divenne più liberale, liberando molte persone dalle prigioni ed espandendo un po’ le libertà personali. Gli scioperi dei lavoratori nel 1980 portarono alla formazione di un sindacato indipendente, “Solidarność”, che con il tempo divenne una forza politica, erose il dominio del partito comunista e nel 1989 vinse le elezioni parlamentari (vedi Rivoluzioni del 1989) e Lech Wałęsa divenne presidente.

Lascia un commento

Tutti campi sono obbligatori