Si Parte

L’intervista a Robert mi regala il gran equilibrio dei Gwich’in, genti che vivono al confine del mondo, fanno di tutto per mantenere i loro valori e contemporaneamente apprezzare gli sviluppi più peculiari di quanto succede a tutte le latitudini, purtroppo cercando di arginare quanto le leggerezze di una società più assistita insinua fra le genti. I suoi occhi lucidi, nell’espormi la situazione dei Gwich’in, mi dà ulteriore forza per coltivare nella giusta dimensione, l’obbiettivo che ognuno di noi persegue.
Grazie Robert, e grazie ai Gwich’in; è ora di andare, sono arrivati anche gli ultimi pezzi  delle bici, ed è ora di partire. La dimensione di questa partenza mi è completamente nuova, adesso con me c’è Lucio e Fiorella, caspita famiglia completa. Guardo loro, guardo la bici di Fiorella e il tandemonio (tandem cavalcato da me e Lucio), stracarichi sotto il cartello di fine della Dempster HIGHWAY di Inuvik (740 km di sterrato), momento che avevo aspettato e preparato da tempo, beh… Surclassato da un vortice di pensieri positivi, non ci credevo e non ci ho capito nulla, ho colto solo la gran fiducia che i loro sguardi mi hanno regalato. Meno discorsi, si parte, grazie Fiorella e grazie Lucio, per il regalo che mi state facendo.
Dempster ci siamo.
Abbraccio
Alessandro

dav

Lascia un commento

Tutti campi sono obbligatori